top of page

Mirbì: una sfida vincente

Il mirtillo biologico di Moncrivello detta le fila nel panorama nazionale.

Mirbì e il suo mirtillo Biologico sono la scommessa vinta della famiglia Germano.


L’azienda Mirbì nasce come sfida a un modello del passato di agricoltura locale. L’impresa, con la coltivazione del mirtillo biologico, punta ad una forma di coltivazione agricola più sostenibile, dove ogni scelta è rispettosa dell’ambiente, animali e piante.

Mirbì viene fondata da Renato Germano che nel 1990 decide di coltivare la prima pianta di mirtillo nel contesto dell’anfiteatro morenico, in particolare sulle colline Moncrivellesi.

Renato decide di sfidare la tradizione agricola del territorio impiantando nei campi di Moncrivello una coltura del tutto innovativa.


Nel 2002, avviene un grande passo per l’azienda con la transizione ad una coltura biologica.

“La scelta del biologico è stata semplice, non usavamo diserbanti, o sostanze chimiche per proteggere la pianta; non c’erano malattie. Quindi era già in linea con il nostro stile di

produzione.”


Il Mirtillo Biologico di Mirbì


Sergio Germano, il figlio di Renato, subentra in azienda nel 2009; questo passaggio ha permesso un rinnovamento e un rilancio dell’identità aziendale. Nasce ufficialmente Mirbì, nonché l’unione delle parole “Mirtillo Biologico”.

Sergio, pensando a come il padre ha creato da zero l’attività, dice: “Per il mirtillo serve un terreno con PH acido… mio padre inizialmente non fece analisi del terreno, provò a coltivare questo piccolo frutto e notò che funzionava. Le prime 400 piante che aveva messo a dimora morirono tutte poichè non riuscì a bagnarle per svariati motivi. Questo non lo fermò, dopo alcune prove la coltivazione iniziò a funzionare. Quelle prime piante le abbiamo ancora e hanno 30 anni.”


I prodotti derivati dalle colture sono biologici al 100%, perché dal 2008 l’azienda ha appoggiato e avviato l'iter per la certificazione biologica. "Abbiamo fatto del biologico una filosofia di vita aziendale, professionale e personale. Il futuro dell’azienda vuole andare proprio verso questa direzione sempre più green and healthy, dal frutto al prodotto beauty”.


Inoltre, alcuni nutrizionisti e dietologi hanno confermato che i prodotti di Mirbì sono effettivamente buoni e sani. Questo è un vanto per l’azienda che garantisce al cliente la qualità e la salubrità del prodotto.


Produzione del mirtillo Biologico

Mirbì, per la coltivazione delle sue piante fa uso di una superficie agricola di circa 5 ettari. In questi terreni, oltre alle piante di mirtillo biologico (4000 piante), vengono coltivate anche more, lamponi, rosa canina, corbezzoli ed erbe officinali.

Di tutto il mirtillo biologico prodotto, il 50% circa viene trasformato, mentre il restante viene venduto nella sua forma originale.


Per la produzione dei mirtilli, Mirbì adotta metodologie biologiche: la raccolta che prende il via a Giugno e termina a fine Settembre, viene fatta a mano. Dalla raccolta, i mirtilli vengono posizionati direttamente nei cestini di vendita, questo per due motivi: viene raccolto solo il mirtillo “migliore” e si maneggia il meno possibile il prodotto fresco, così da mantenere intatta la parte migliore, la "pruina", quella polverina bianca sopra il frutto (dove si nascondono la maggior parte delle proprietà benefiche del frutto).



Per coltivare piante sempre più sane e produrre raccolti migliori, nei campi, Sergio di Mirbì adotta una pacciamatura di canapa naturale (al posto di teli sintetici) come barriera protettiva, coprendo il terreno e favorendo la crescita delle piante.




Mirtillo Biologico e derivati

Il principale prodotto dell’azienda è appunto il mirtillo biologico, ma nelle varianti Blueray, Duke, Powderblue, Berkeley e Pink Lemonade. Queste diverse tipologie di mirtillo permettono di avere un calendario di raccolta diversificato che va da fine Maggio fino a inizio Ottobre.

Mirbì con la coltivazione del mirtillo biologico è in grado, appoggiandosi a laboratori specializzati, di trasformare la materia prima in suoi derivati.

Nel punto vendita o sullo shop online, è possibile, infatti, acquistare parte dei mirtilli biologici “trasformati”:


  • Frullato di mirtillo biologico

  • Nettare di mirtillo biologico

  • Polpa di mirtillo biologico

  • Composta di mirtillo biologico

  • Mirtilli allo sciroppo

  • Mirtilli disidratati


Mirtillo biologico: Morenica Liquori

Recentemente, con l’aiuto del collaboratore e amico Fulvio Piccinino — docente dell’Università di

scienze gastronomiche di Pollenzo — Sergio ha deciso di portare avanti una nuova linea di produzione di liquori che ha preso il nome di “Morenica Liquori”, dato il forte legame con il territorio.

Da settembre 2021, sono in commercio tre tipologie di liquori: “Violante” a base di mirtillo biologico, “Sofia” a base di mora biologica e “Ida” a base di lampone biologico.

Mirtillo biologico nel mondo Beauty

Per Mirbì è in atto una collaborazione con VIVI LINE SAS e Allegro Natura (Specialisti della

Cosmetica di Torino) per utilizzare il mirtillo biologico anche nel campo dei prodotti di bellezza, proponendo alla clientela una linea che riguarda una crema corpo, una crema viso al mirtillo biologico e una saponetta alla lavanda biologica.

Entrambe, la crema corpo e la crema viso sono già disponibili sia nel negozio fisico sia nel negozio online, come anche la saponetta.

324 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page